Tag Archives: calabria

Il business milionario degli incendi e l’interesse della criminalità per i roghi

Nell’Italia devastata dagli incendi, come ogni anno ci si affretta a trovare la causa dei roghi. Ma mentre si parla di “cause naturali”, “autocombustione o fatalità troppo spesso si ignora il business criminale che si cela dietro questi fenomeni.

I cieli di mezza Italia si tingono di rosso. Il rosso delle fiamme che divorano decine di migliaia di ettari del Belpaese. Il rosso del sangue di una ferita che puntualmente si riapre ogni estate lacerando un pezzo consistente di paese. L’Italia, ed in particolare il sud, brucia sotto il sole torrido di un’estate senza precedenti. Ma anche questa volta, come spesso accade, non brucia per colpa del caldo. Non solo, per lo meno.

Basta, infatti, sfogliare le ultime statistiche per avere conferma di una grande, quanto triste, verità: boschi e terreni non s’incendiano da soli. Le cause naturali non arrivano al 2% e “sono dovute esclusivamente a fulmini”, ha chiarito negli scorsi giorni Filippo Micillo, capo dell’ufficio pianificazione e coordinamento del servizio antincendio boschivo per i vigili del fuoco. Lo afferma citando le statistiche 2019 dei carabinieri forestali. Statistiche che restituiscono un’immagine ancor più drammatica di quella che può apparire guardando esclusivamente alle fiamme che divorano il sud Italia senza interrogarsi sulle cause. Quasi sei volte su dieci i roghi sono stati intenzionali, anche se la percentuale potrebbe salire ancora, perché poi bisogna fare i conti con un 22,5% di azioni non classificabili. Meno del 14% i blitz colposi, per disattenzione o incuria mentre un altro 4,4% è attribuito a cause indeterminate.

Fornire un identikit di chi appicca gli incendi non è certo facile ma, ancora una volta, i numeri possono aiutare a farsi un’idea. Numeri che indicano come i piromani, intesi come persone con disturbi psichici che li portano a dare fuoco a oggetti o ambienti naturali, sono una minoranza. Numeri che, invece, sembrano indicare la presenza di una strategia criminale vera e propria. I dati relativi allo scorso anno, infatti, indicano come nelle quattro regioni a tradizionale presenza mafiosa si sono registrati il 54,7% dei reati di incendio boschivo, con l’84% della superficie danneggiata. È la mafia dei terreni, pascoli e boschivi. Una criminalità organizzata in preda ad una follia distruttiva dietro cui si cela sempre un interesse più ampio. Interessi confermati anche dalle recenti indagini della Commissione Parlamentare Antimafia che ha alzato la soglia di attenzione sul fenomeno.

Ma perché la criminalità organizzata da fuoco ai territori che controlla? A chi giova? Cosa si nasconde sotto la cenere che rimane a fiamme spente? Una ragione è la pervicacia di cosche e clan nel dimostrare che, di qualunque area, sono in grado di indirizzare destini, fortune e sfortune. Dimostrano ai proprietari che possono fare il bello e il cattivo tempo. A maggior ragione se i boschi e i pascoli incendiati sono assoggettati a vincolo di inedificabilità. Se il proprietario non si piega alle richieste estorsive dei criminali ecco che scatta la furia incendiaria. Un meccanismo che si ripete ogni anno, in modo sostanzialmente identico. Già nel 2001 gli 007 del Sisde insistevano sulla presenza delle mafie nelle ricostruzioni post incendio in ogni angolo del Belpaese. Nelle relazioni della Dia nazionale si ripetono le stesse affermazioni, praticamente da sempre. E poi c’è il business dei rimboschimenti, dove i forestali stagionali assunti fanno da bacino di voti e le mafie coordinano chi organizza le operazioni di appiccamento. Un business enorme, quello dei rimboscamenti, capace di muovere centinaia di milioni di euro ogni anno. Solo in Sicilia si calcola che si spendano 400 milioni di euro all’anno per il rimboschimento, in Campania nel 2017 50 milioni di euro.

Il fuoco che distrugge il nostro paese, insomma, fa gola alla criminalità. “L’autocombustione non esiste” aveva detto qualche anno fa Roberto Pennisi, magistrato della Direzione nazionale antimafia. E mentre ci si convince che la colpa degli incendi sia da ricercare in tragiche fatalità che fanno divampare roghi immensi si ignora cosa davvero alimenti quelle fiamme.

Tendopoli di San Ferdinando: un altro sgombero senza prospettive

Da sabato la tendopoli di San Ferdinando non ci sarà più, smantellata dal comune senza trovare soluzioni alternative per i migranti che la abitano. La gestione dell’emergenza abitativa per i braccianti che lavorano nella Piana è l’emblema dell’incapacità di capire e risolvere un problema sempre più grave.

A San Ferdinando, cuore pulsante dell’emergenza braccianti nella Piana di Gioia Tauro, sembra di essere tornati indietro di un anno. Le stesse preoccupazioni sui volti dei migranti, gli stessi proclami da parte delle autorità, le stesse prospettive per il futuro. Era il marzo 2019 quando l’ex Ministro dell’Interno Matteo Salvini si faceva riprendere dalle tv di tutto il paese tra le macerie delle baracche del “ghetto di San Ferdinando” appena abbattuto dalle ruspe. “Io vi ripago con il mio coraggio! Avevo promesso pulizia e l’abbiamo fatta” aveva annunciato con la tracotanza di chi pensa di aver la soluzione a ogni problema, vantandosi di aver finalmente “ripristinato la legalità in quella che era una favela di immigrati”. Ma quello del marzo scorso si è rivelato un siparietto mediatico e poco più. Il problema è tutt’altro che risolto e l’intervento delle ruspe sembra anzi averlo peggiorato aggiungendo all’emergenza abitativa dei migranti anche una distesa di baracche abbattute mai rimosse che hanno trasformato quella che un tempo era un ghetto in un’enorme discarica.

Il problema abitativo dei braccianti, poi, non è stato nemmeno affrontato. Per chi abitava a San Ferdinando non è stata pensata alcuna soluzione alternativa e, una volta abbattuta la baraccopoli, i braccianti sono stati lasciati a loro stessi. Molti hanno deciso di lasciare l’Italia per cercare di raggiungere illegalmente altri paesi europei ma quelli mentre quelli che sono rimasti si sono semplicemente trasferiti in altri ghetti simili andando solamente a peggiorare situazioni già difficili. Campi sovraffollati e senza servizi si sono trova a dover accogliere centinaia di nuovi migranti in fuga dalle ruspe di Salvini generando situazioni complicate e potenzialmente esplosive. Tra i campi che hanno accolto più persone c’è sicuramente quello che dal 2017 sorge a pochi metri dall’ex ghetto di San Ferdinando. Costruita nel 2017 come soluzione temporanea e “ufficiale”, la tendopoli voluta dal ministero si è trasformata in un accampamento permanente che ha accolto nei periodi di maggior crisi fino a 1.500 persone nonostante i soli 500 posti disponibili.

Ma adesso, appunto, sembra di essere tornati indietro di un anno. “L’amministrazione comunale comunica ai signori ospiti che sono in atto le procedure di chiusura definitiva della tendopoli. I signori ospiti sono pertanto invitati ad individuare una nuova e diversa soluzione abitativa”. È l’avviso freddo, ma dai toni gentili, diffuso il 24 luglio dal Comune di San Ferdinando per annunciare che dal 15 agosto la tendopoli non ci sarà più. Le tende, già in parte smontate in queste settimane, spariranno definitivamente da sabato lasciando un’altra volta i braccianti che abitano la tendopoli davanti al nulla. Anche questa volta, infatti, non è stata prevista nessuna soluzione alternativa alle tende e per i, molti, migranti che non possono permettersi una casa l’unica alternativa sembra essere spostarsi in un altro ghetto, andando ancora una volta ad aggiungere miseria dove già ce ne è fin troppa. Il comune ha motivato la sua decisione di chiudere la tendopoli affermando di essere stato lasciato solo dalle altre autorità competenti (Regione, prefettura e governo) nella gestione di un problema che non riguarda solo San Ferdinando ma tutta la Piana di Gioia Tauro e, per certi versi, tutto il sud Italia.

La decisione di smantellare la tendopoli evidenzia in tutta la sua gravità il problema annoso del fare fronte in modo sistematico ai bisogni dei migranti che lavorano nei campi, e sottolinea la mancanza di un piano adeguato e strategico di interventi trasversali che rispondano alle numerose criticità. Se da un lato la soluzione tampone della tendopoli deve considerarsi sicuramente una misura emergenziale e da superare, dall’altro non si può neanche pensare di demolire l’accampamento senza aver individuato delle alternative idonee, delle soluzioni abitative che consentano condizioni alloggiative dignitose per i lavoratori. Soluzioni abitative che, per di più, ci sarebbero da tempo ma non vengono concesse. Nel 2011, infatti, utilizzando fondi europei vincolati il Comune di Rosarno aveva costruito sei palazzine, per un totale di 36 appartamenti con 6 posti letto ciascuno, destinate unicamente all’accoglienza dei migranti che lavorano i campi della piana. Un progetto costato 3 milioni che avrebbe dovuto aiutare a superare le tendopoli e le baraccopoli che sorgono in una delle aree più soggette a caporalato e sfruttamento dove i migranti vivono come animali ammassati in alloggi di lamiera. Un progetto che, però, non è mai stato inaugurato e dal 2011 ad oggi non ha mai aperto i battenti costringendo i braccianti a vivere nella miseria in cui si si consuma la segregazione e la riduzione in schiavitù di migliaia di lavoratori agricoli.

Si tratta, insomma, dell’ennesima soluzione senza soluzione. Una toppa messa un po’ a casaccio senza centrare il buco che nel frattempo si allarga. Una situazione che si ripete uguale ogni volta a San Ferdinando come nel resto d’Italia. Come a Cassibile, in provincia di Siracusa, dove entro metà settembre sarà smantellata completamente la baraccopoli che ospita i lavoratori agricoli senza trovare soluzione alternativa nemmeno per loro. Si dimostra ogni volta di più l’incapacità dell’Italia di affrontare in modo strutturato questo problema, con i campi dei braccianti che tornano a far parlare di sé solo quando scoppia qualche rivolta o perde la vita qualche migrante per colpa delle condizioni in cui si vive. Allora inizia il carosello dei proclami, un susseguirsi di promesse di una soluzione in tempi rapidi che si esaurisce in qualche giorno facendo tornare nel dimenticatoio una delle più gravi crisi umanitarie che esistano nel nostro paese.