L’imprevedibilità dell’America Latina tra proteste presenti e future

“Il giorno tropicale era un sudario
Davanti ai grattaceli era un sipario
Campa decentemente e intanto spera
Di essere prossimamente milionario
– Enzo Jannacci –

Cile, Equador, Bolivia, Venezuela e non solo. L’America Latina è scossa da proteste sempre più violente che rendono ancor più instabile una situazione già drammaticamente difficile mettendo in luce le fragilità di un continente spesso abbandonato a sé stesso. Manifestazioni, incendi e rivolte divampano per le strade delle principali città sudamericane contro una politica neoliberista che sta mostrando al mondo tutti i suoi limiti.
Venezuela – A dare il via ad un anno drammatico per il continente sudamericano era stato ad inizio 2019 il Venezuela. Il 23 gennaio durante una manifestazione antigovernativa, il presidente dell’assemblea parlamentare Juan Guaidò si è autoproclamato Presidente ad interim disconoscendo di fatto il potere di Maduro. L’autoproclamazione di Guaidò ha ricevuto l’appoggio di diversi paesi e nel corso dei mesi è stato riconosciuto da più di 50 stati come legittimo presidente. Una presa di posizione da parte della comunità internazionale che ha ulteriormente indispettito Maduro, eletto a gennaio per il secondo mandato presidenziale, che ha gridato al complotto internazionale ordito dagli Stati Uniti per delegittimare il governo del popolo. La situazione è ben presto degenerata trasformandosi in una lotta di potere: da una parte Maduro, appoggiato dall’esercito, dall’altra Guaidò sostenuto da una fetta della popolazione e dai leader mondiali.  Ma se la situazione sembrava essere stabile e sotto controllo nel giro di qualche giorno è scoppiata all’improvviso. Il 30 aprile con un messaggio diffuso sul web, il presidente ad interim ha chiesto alla popolazione di scendere in piazza per rovesciare il governo illegittimo. Ne è nata una battaglia cruenta tra sostenitori di Guaidò e l’esercito fedele al governo che per un giorno intero ha sedato i tentativi dei manifestanti di sovvertire il potere di Maduro. A sei mesi dal tentato colpo di stato, la situazione venezuelana non è migliorata. Messa da parte, fino ad ora, la strategia più dura e violenta rimangono alte le tensioni in un interminabile braccio di ferro tra Washington e Caracas.
Il paese, ora, è sull’orlo del baratro con un’inflazione record e un sistema di welfare al collasso. Secondo ‘Medici senza frontiere’ ospedali e cliniche hanno personale inadeguato e forniture mediche insufficienti, problemi gravi anche nel settore scolastico con diversi professori costretti a fuggire dalla repressione del governo, stipendi inesistenti e strutture inadeguate. Si stima che il 94% della popolazione venezuelana, pari a circa 30 milioni di persone, viva in uno stato di insicurezza alimentare, mentre l’82% non ha accesso a fonti di acqua sicure. Le condizioni di salute hanno raggiunto livelli drammatici: il tasso di mortalità materna sfiora il 65%, per la mancanza di strutture sanitarie e pratiche igieniche adeguate. Una situazione che sta spingendo i venezuelani ad un esodo di massa. 4,5 milioni di Venezuelani, il 12% della popolazione totale, ha lasciato il paese per rifugiarsi negli stati vicini dando vita al più grande fenomeno migratorio nella storia dell’America Latina e sta mettendo il sistema di accoglienza di diversi paesi, Colombia in primis.
Bolivia – Brogli elettorali e contestazioni. Il 20 ottobre la Bolivia è scesa in piazza per contestare la vittoria alle elezioni del presidente uscente Evo Morales. Dato dai primi exit poll in vantaggio con uno scarto minimo rispetto allo sfidante Carlos Mesa, Morales è stato proclamato vincitore in serata con un vantaggio di oltre 10 punti percentuali. Un cambio improvviso nello scrutinio che ha lasciato perplessi i boliviani e l’opposizione che si è mobilitata per contestare il risultato gridando ai brogli elettorali. Anche gli Stati Uniti, il Brasile e l’Argentina hanno espresso preoccupazione per il drastico cambio dei risultati. Michael Kozak, assistente segretario del dipartimento di Stato americano per gli affari dell’emisfero occidentale, ha definito l’interruzione nel conteggio dei voti del Tribunale Supremo Elettorale un «tentativo di sovvertire la democrazia boliviana», invitando l’organo a «ripristinare la credibilità del processo elettorale». Milioni di boliviani sono scesi in piazza e le proteste continuano tutt’ora nonostante i tentativi di reprimerle abbiano già provocato due morti e diversi feriti.
Morales, al momento della sua prima elezione nel 2006, era visto come un leader in grado di rilanciare l’economia e la vita in Bolivia. Ex coltivatore di coca e sindacalista è stato il primo boliviano di origine indigena ad essere eletto alla presidenza del paese lasciando immaginare un importante impegno a sostegno delle popolazioni indios. Quel sostegno, se non a parole, è mancato quasi totalmente e la sua politica ha fatto crescere il malcontento in tutto il paese. Se da un lato ha fatto ripartire l’economia boliviana abbassando il tasso di povertà, dall’altro ha commesso gravi errori attirando su di se critiche da ogni schieramento. Un primo momento di crisi lo si è avuto nel 2011 quando un movimento di protesta nato dalle comunità indigene fu represso nel sangue dalla polizia schierata in assetto antisommossa. Gli indios erano scesi in piazza per mostrare la loro contrarietà alla realizzazione dell’autostrada Cochabamba-San Ignacio de Moxos che, secondo i piani di Morales, avrebbe dovuto attraversare il Parco nazionale Isiboro terra abitata dagli indigeni. Proprio quelle comunità Indios che con la sua elezione aveva promesso di tutelare erano dunque le prime minacciate dall’opera e la repressione del movimento di protesta aveva scatenato la rabbia e l’indignazione di tutta la Bolivia. Ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il referendum del 2016 indetto da Morales per eliminare il vincolo dei due mandati e potersi candidare per una terza volta. Il risultato elettorale, che aveva sconfitto il presidente bocciando il quesito, era stato annullato dalla Corte Suprema aprendo di fatto la strada alla modifica costituzionale sognata dal presidente. La Bolivia, con l’inizio del terzo mandato di Morales, sembra scivolare verso un autoritarismo di stampo socialista confermata dai risultati ancora dubbi delle elezioni di una settimana fa. I boliviani, però, iniziano a malsopportare l’attaccamento ormai morboso al potere del leader indios che sembra aver tradito la fiducia del popolo.
Cile – Chi invece il supporto del popolo lo ha già perso è il presidente cileno Sebastian Piñera. Da più di una settimana ormai le principali città del paese sono scosse da violente proteste iniziate come risposta alla decisione del governo di aumentare il prezzo del biglietto della metropolitana e ben presto diventate valvola di sfogo per un malcontento più profondo. I manifestanti chiedono al governo misure concrete per contrastare le crescenti disuguaglianze nel paese e le proteste hanno scatenato una risposta durissima da parte delle autorità. L’esercito pattuglia le strade e il governo ha imposto il coprifuoco dalle 21 alle 7 disponendo l’arresto di chiunque non abbia un’autorizzazione per uscire.  Il drastico provvedimento è arrivato dopo la dichiarazione dello stato d’emergenza avvenuta dopo 3 giorni di guerriglia urbana ininterrotta per le strade di Santiago. Una decisione drastica che ha riportato il paese indietro di 30 anni quando durante la dittatura di Pinochet era imposta una misura identica.
Ma se, visto da fuori, non sembra essere un paese problematico la realtà è ben diversa. “La Svizzera del sudamerica” come viene spesso chiamato il paese è l’unico paese del continente ad essere membro dell’OCSE (dal 2010) e presenta un quadro finanziario che sembra dipingere un paese benestante: Pil pro capite prossimo ai 25mila dollari, inflazione molto bassa, rispetto agli standard regionali e un debito pubblico che vale meno di un quarto del prodotto interno lordo. Ma quella che sembra essere una situazione rosea nasconde gravi disuguaglianze. Secondo le ultime rilevazioni della Comisión Económica para América Latina y el Caribe (Cepal), la ricchezza media delle famiglie cilene è di circa 115 mila dollari. Cifre importanti che non tengono conto però della sua suddivisione: solo il 11% delle famiglie cilene (550 nuclei familiari circa) ne beneficia realmente con una ricchezza media di 760 mila dollari, mentre per la metà più povera dei cittadini il dato si ferma a quota 5mila dollari. Un Cile che, sebbene i dati lo facciano sembrare un paese benestante, è pervaso da problemi strutturali che richiedono un intervento profondo del governo. Intervento che, per ora, è stato solo armato e volto a reprimere un malcontento generale ormai esploso.
Altro – In Argentina, la vittoria di Alberto Fernandez alle elezioni dello scorso weekend potrebbe aprire la strada ad un cambio di rotta. Le politiche di austerità del precedente governo, guidato dall’ex presidente del Boca Juniors Mauricio Macri, avevano causato il ristagno della produzione elettorale portando il paese alla recessione del 2018 che aveva costretto il governo a chiedere il più grande intervento nella storia del Fondo Monetario Internazionale: 58 miliardi di dollari. In Argentina, dunque, tutto sembra essersi risolto all’interno di un contesto elettorale ma la situazione rimane tesa e potrebbe esplodere da un momento all’altro se Fernandez non riuscisse a dimostrare la sua capacità di cambiare rotta.
Se in argentina è ancora latente, il malcontento ha iniziato a manifestarsi con forza in Brasile. Migliaia di persone manifestano da agosto contro le politiche del presidente Jair Bolsonaro ed in particolare contro i tagli all’istruzione e le misure di bilancio approvate dal suo governo. Già al centro di durissime critiche durante tutta l’estate per la sua gestione dei terreni dell’Amazzonia, il presidente è sempre meno popolare e le sue politiche unite al suo coinvolgimento nell’omicidio dell’attivista Marielle Franco potrebbero essere la scintilla che accende la miccia del malcontento brasiliano.
L’America Latina è una polveriera che potrebbe esplodere da un momento all’altro, dove non è già successo. Una situazione caotica e imprevedibile che sta rendendo la regione instabile politicamente ed economicamente e sta portando ad una presenza sempre maggiori di figure militari al fianco di quelle politiche. Se non è un pericolo per la democrazia, è sicuramente un segnale di come gli eserciti abbiano mantenuto enorme influenza culturale, autonomia e potere anche dopo la fine delle dittature, e che ancora oggi siano un punto di riferimento importante per le istituzioni civili deboli e in difficoltà. In un’America Latina martoriata e sempre più in difficoltà, dunque, si profila uno scontro sempre più duro tra i popoli e i loro governi. Con l’esercito che resta a guardare e la comunità internazionale che attende, magari cantando una canzone.
“Ahi Sudamerica, Sudamerica, Sudamerica
E i ballerini aspettan su una gamba
L’ultima carità di un’altra rumba

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...